SIRIA: facciamo il punto della situazione da quando la Russia è entrata in azione.

“È passato un mese da quando hanno avuto inizio le operazioni delle forze aeree russe nella Repubblica Araba di Siria. Ora è il momento di tirare le somme. I nostri aerei hanno effettuato, 1.391 missioni e distrutto 1.623 obiettivi dei terroristi”, ha dichiarato Kartapólov citato da RIA Novosti.

“L’aviazione russa ha distrutto più di 1.600 obiettivi dell’Isis in Siria in quasi 1.400 missioni aeree in un mese”, lo ha annunciato, oggi, il Generale Andrei Kartapólov, dello stato maggiore russo.

Secondo il rappresentante della Difesa, le truppe aeree russe hanno distrutto 249 punti di controllo e comunicazione dello Stato Islamico, 35 impianti e laboratori, 131 depositi di carburante, 371 postazioni fortificate e 786 tra campi di addestramento e basi.

Kartapólov ha anche assicurato che le azioni dell’aviazione russa hanno permesso all’esercito siriano di liberare più di 50 insediamenti per una superficie totale di 350 chilometri quadrati, che ha permesso ai residenti locali di tornare alle loro case.

L’operazione russo in Siria è stata effettuata nell’ultimo periodo per dare slancio all’offensiva dell’esercito siriano. Come ha spiegato il portavoce per la presidenza russa, Dmitri Peskov, il termine delle operazioni “dipende dalla situazione nella lotta contro il terrorismo e l’estremismo”. La Russia ha iniziato a bombardare con le postazioni terroristiche nel paese arabo lo scorso 30 settembre dopo che il presidente siriano Bashar Assad ha chiesto a Mosca aiuto militare per combattere i jihadisti.

Fonte: RussiaToday

7,536 Visite totali, 7 visite odierne

Commenti

commento

loading...